Escursioni Mare

  • Cala Biriola

    E’ certamente una delle più affascinanti cale della costa orientale sarda e il luogo ideale per effettuare snorkeling in un mare da sogno.
  • La piccola spiaggia di Cala Biriola, incastonata tra alte scogliere e sovrastata da un bosco di lecci e ginepri, appare all’improvviso durante la navigazione nel Golfo, appena dopo il promontorio chiamato “Scala di ferro”.

    La sosta su questa spiaggia è prevista nel programma della Minicrociera nel Golfo con partenza da Cala Gonone.

  • Cala Gabbiani

    Cala Gabbiani è da considerarsi il prolungamento della più famosa "Cala Mariolu".
  • Infatti è divisa da quest’ultima solo da un piccolo promontorio di roccia che la protegge dalla tramontana.

    È sicuramente altrettanto suggestiva e, essendo meno conosciuta, solitamente è meno frequentata in piena stagione. Deve il suo nome a una nutrita colonia di Gabbiani che ogni sera dal tramonto al mattino fino all’arrivo dei primi bagnanti si riappropriano della spiaggia ricamandola con le loro impronte.

    Come Cala Mariolu è raggiungibile ogni giorno da giugno a settembre con partenze scaglionate durante tutta la mattina e rientro intorno alle 16.00.

  • Cala Goloritze

    Cala Goloritzè è stata dichiarata Monumento Naturale per la sua unicità e per preservarne la sua bellezza incontaminata.
  • Infatti è caratterizzata da un grande arco di roccia che emerge da un mare con trasparenze e colori indescrivibili.

    Ma ancora maggiore è la maestosità della Guglia che sovrasta la spiaggia:uno spuntone di roccia alto ben 150 metri!

    Chi sceglie di effettuare la minicrociera avrà la possibilità di ammirarla da vicino ed effettuare riprese o scatti fotografici senza sbarcare.

    La spiaggia è piuttosto piccola e spesso molto affollata. E’ raggiungibile solo a piedi percorrendo un sentiero tra i monti di circa 4 ore tra andata e ritorno.

  • Cala Luna

    Cala Luna viene ritenuta la spiaggia più bella del Mediterraneo.
  • Una lingua di sabbia lunga ottocento metri, una falce di luna bianca con sei enormi grotte che si aprono sull’arenile e sullo sfondo, a corona, un bosco di oleandri preceduto da uno stagno di acqua dolce. 

    La natura protegge l’insenatura dall’insidioso scirocco con una parete rocciosa a sud. 
    Attraverso il bosco di oleandri ci si può inoltrare nella “codula” per sentieri in un appassionante trekking nella fitta macchia mediterranea abitata da rari rapaci, cinghiali, e capre selvatiche.


    I collegamenti con Cala Luna hanno cadenza oraria a partire dalle ore 9.00 del mattino, soprattutto da giugno a settembre, e anche gli orari di rientro sono ben distribuiti nel corso della giornata. 

    Orari di partenza: ore 9.00, 10.00, 11.00, 12.00, 13.00, 15.00, 16.00, 17.00.

  • Cala Mariolu

    Cala Mariolu è una spiaggia estesa incastonata in mezzo alle pareti a picco, divisa in due da alcune rocce franate dal canalone, si affaccia sul lembo di mare più delizioso della Sardegna.
  • La caratteristica di questa cala sono i piccoli ciottoli levigati si cammina sui sassolini come su di un soffice tappeto.

    La trasparenza e il colore del mare non hanno eguali neanche se confrontate alla gran parte delle mete esotiche e tropicali più rinomate e decisamente più difficili da raggiungere.

    A Cala Mariolu è prevista una delle 3 soste in spiaggia della minicrociera, tuttavia è possibile raggiungerla anche con i collegamenti diretti che vi consentiranno di sostare dalla mattina fino alle 16.00 circa.

  • Cala Sisine

    Più piccola di Cala Luna, Cala Sisine si presenta però più profonda e si incunea dopo centinaia di metri di sabbia nel verde della “codula”(canalone) omonima.
  • È come raccolta e stretta da due alte punte di circa 500 metri. 

    Chi si inoltra nella codula di Sisine affronta una delle escursioni più affascinanti e impegnative attraverso una natura superba e intatta.

    A Cala Sisine così come a Cala Luna esiste un punto di ristoro immerso nella vegetazione ma facilmente raggiungibile dalla spiaggia.

  • Grotta del Bue Marino

    Fin dagli anni ’50 l’attrattiva di Cala Gonone era soprattutto la Grotta del Bue Marino.
  • Da allora è stata ammirata da milioni di turisti.

    La regina di questa grotta era appunto il “bue marino": così l’immaginazione popolare denominava la foca monaca per la sua sagoma goffa e il suo comportamento mite.
    Oggi i visitatori che giungono alla grotta con le nostre imbarcazioni, possono accedere al ramo sud e percorrendo un’agevole passerella si trovano ad ammirare una delle grotte più belle e famose d’Italia.

    La visita all’interno dura circa un’ora durante la quale esperte guide sono a disposizione per fornire le informazioni storiche e scientifiche riguardanti la grotta e la fauna che la popolava.
    Se si sceglie di visitare solo la Grotta del Bue Marino la durata totale dell’escursione è di circa 2 ore compresa la navigazione andata e ritorno e la visita all’interno (della durata di 1 ora).


    È possibile associare la visita alla grotta con altri viaggi di linea, vedi ABBINATA e MINICROCIERA; in questo caso la durata dipende dall’itinerario scelto.

  • Grotta Bue Marino + Cala Luna

    La corsa abbinata è un’azzeccata combinazione che permette di visitare laGrotta del Bue Marino e, terminata la visita guidata, di proseguire sulla spiaggia di Cala Luna per una breve sosta o per l’intera giornata.
  • Sono previste partenze ogni ora per questa escursione soprattutto da giugno a settembre e anche gli orari di rientro sono ben distribuiti nel corso della giornata.

    N.B. I clienti del Consorzio potranno comodamente scegliere uno tra i diversi orari di rientro dal pontile di Cala Luna senza doverlo comunicare all’atto della partenza.